In difesa degli imbecilli

“The only people who ever prize purity of ignorance are those who profit from a monopoly of knowledge”. Le uniche persone che apprezzano la purezza dell’ignoranza sono quelle che traggono profitto dal monopolio della conoscenza.

Orson Scott Card, I figli della mente

A proposito dell’invasione degli imbecilli sui social media descritta dal Professor Umberto Eco.

ID-10068477

E’ diverso quello di un intellettuale da quello di un imbecille?

La Chiesa riconosce la santità quando l’esempio di virtù eroiche è già morto da un pezzo; la laicità proclama i santi in vita, chiamandoli intellettuali. Tra tutti, il Professor Eco è particolarmente aulico; è un genio riconosciuto, un genio per eccellenza, è lui, il genio, non si scappa. Si è pure permesso il gusto di sconfinare tra la massa, scrivendo un romanzo di successo e dimostrando che anche confuso tra la folla degli scaffali lui è e rimane speciale. Di romanzi poi ne ha scritti altri sei, di due dei quali posso dire per esperienza diretta che sono un filo difficili da masticare. E vi parla uno che adora Dostoevskij.

L’ho visto una volta in una conferenza in Assolombarda insieme con Antonio Ricci, quello di Striscia la Notizia. Leggero, intelligente, elegante e spiritoso. Ricci. Il Professor Eco, un po’ diverso. A un certo punto è suonato un cellulare mentre lui parlava; il Professore ha preteso che il “maleducato” lasciasse l’aula, altrimenti non avrebbe continuato la lezione, o la conferenza, come preferite. Il malcapitato è stato costretto ad andarsene, sotto lo sguardo di tutto il pubblico, a testa bassa, e il Professor Eco si è pure preso l’applauso (*). Perché agli imbecilli, e ce ne sono, piace essere tiranneggiati dagli intellettuali. Se mi riconosco inferiore, mi sento meno imbecille. E l’intellettuale si sente sempre più … intellettuale.

L’affermazione del Professor Eco sugli imbecilli è una provocazione e alle provocazioni non si risponde, come mi hanno insegnato fin da bambino. Ma è rimasto in me il ricordo di quell’episodio, della dolorosa umiliazione di una persona davanti a tutti; forse rimane anche il rimorso di non essere uscito anch’io dall’aula, imbecille a fianco di un imbecille.

In ogni caso non sto a rispondere e a fare ragionamenti, non ne sarei degno. Mi limito a una citazione, quella in apertura. Pensate un po’, una citazione da un romanzo di fantascienza. Per rispondere a uno con 39 lauree honoris causa. Roba da imbecilli. In senso stretto, per un semiologo, non sono neanche parole: è solo un vento idiota, che soffia tutte le volte che apro la bocca.

 

 

(*) I cellulari che suonano a sproposito sono un tormento, sono d’accordo. Ma ci sono altri modi di educare le persone (io per primo) a un utilizzo appropriato. Sulle porte della Chiesa di Madonna di Campiglio c’è un cartello: “Dio ti chiama in molti modi ma difficilmente ti cerca sul cellulare: spegnilo prima di entrare”. 

 

Photocredits: koratmember on Freedigitalphotos. net

Annunci

2 pensieri su “In difesa degli imbecilli

  1. Caro Alessandro, questa è proprio bellissima! Complimenti. Parole di buon senso. Speriamo che i rimbrotti ricevuti dal prof. Eco, più che servire a lui, cosa della quale dubito visto che vive di certezze, siano serviti a compattare il fronte degli “imbecilli” affermando il nostro diritto ad esistere, esprimendo opinioni non sempre corrette o degne di nota. Auguriamoci inoltre che parlarne sia servito a migliorare certi atteggiamenti fra i più deprecabili che si trovano con grande abbondanza in rete.
    Grazie.

    • Grazie a te! Anch’io non approvo il chiacchiericcio vano dei social, ma perché vorrei che le persone si sforzassero di trovare stimoli e idee più interessanti, non perché pensi che non abbiano titolo a parlare. L’obiettivo è far si che le persone migliorino (io per primo, e questo blog è uno sforzo e un esercizio continuo a trovare dentro di me argomenti e modi di raccontarli) non farle tacere per sempre per riservare il palcoscenico a chi è qualificato. Reminiscenza classica, gli dei puniscono la ubris, la tracotanza degli uomini, mi sa che a volte un paio di zot ci vorrebbero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...