Libri e televisione

Chi legge possiede il mondo, chi guarda la televisione lo perde

(Werner Herzog)

e chi passa il tempo a caccia di notifiche, status update, aggiornamenti, tweet, re-tweet, post, like … ?

Internet si è fermata a Sanremo

Cosa c’è di più analogico del festivalone nostrano? Gira il mondo gira, attorno al teatro Ariston, e nulla cambia. L’unica vera grande rivoluzione è stato il passaggio dal bianco e nero al colore e anche questo tutto sommato non ha fatto molta differenza. Tra l’altro il fascino del black & white di alcune vecchie registrazioni ha molto più appeal dell’alta definizione di oggi. LCD e plasma che soccombono al catodico.

Sanremo e il trash televisivo

Confesso di essere un patito di Sanremo. Che volete, ognuno ha diritto a un momento trash, giusto per ritemprarsi dalle fatiche dell’intelletto. Ogni tanto vale la pena prendersi una pausa e guardare il reality di turno, abbeverandosi alla fonte della stupidità, un sorriso ebete sul volto e una striscia di saliva che cola sul cuscino del divano. Quello che conta è ripartire poi, con una lieve sensazione di nausea, ma sempre più convinti a non dimenticare mai che provare a usare il cervello è faticoso (ringrazio chi si asterrà da facili ironie), ma che rinunciare a questa fatica significa abbandonarsi a un baratro immondo, un bicchiere pieno di luci e lustrini che al fondo ha il gusto della noia. Non dimentichiamolo: non c’è redenzione Continua a leggere

La rete circondata, ovvero dei sex symbol affogati nell’olio di conserva

Questo è uno screenshot della home page del corriere.it di venerdì.

Cattura

 

Più di metà della pagina è occupata da inserzioni pubblicitarie. Sono spazi che abitualmente non considero, non me ne accorgo, li escludo automaticamente dalla mia consapevolezza (li “scotomizzo”, per usare un termine tecnico). Questa volta però avevo bisogno di cliccare il mouse su un’area libera per escludere una funzione, e di aree libere ce ne erano pochissime; ovunque spostassi il topino c’era un link. Dopo qualche secondo di ricerca ho preso coscienza della situazione e mi sono sentito … circondato.

Non ce l’ho con il Corriere in particolare, anche se c’è in giro la storia che quando il Direttore De Bortoli ha visto la nuova versione del sito anche lui abbia chiesto Continua a leggere