Scrivi, Socrate, scrivi

La parola sta morendo.

Ovvio, è un’esagerazione. Sicuramente non sta tanto bene e sto parlando di quella scritta; perché parlare, si parla tanto, troppo, da sempre.

Fatto sta che nella comunicazione su Internet e sui social media, predominano ormai largamente immagini, video, emoticon, emoji, gif, in breve tutte le forme di comunicazione che passano attraverso le immagini. A esagerare, un bel hashtag, quattro abbreviazioni, GR8 ROTFL CU L8R. Non si scrive più, si scrive poco, si scrive male.

Tutto sommato nulla di nuovo sotto il sole, non è la prima volta che lo scritto latita. Già agli albori della civiltà occidentale il vecchio Socrate, decano e simbolo di tutti i filosofi, sviluppava il suo pensiero in modo dialogico, chiacchierando con i suoi studenti mentre passeggiava sotto i Propilei. Il suo discepolo Platone arrivò a esprimersi in modo negativo su libri e testi scritti in genere; secondo lui infatti favorivano la conoscenza (bleah), mera trasmissione e ripetizione di concetti non capiti appieno, te lo vendo come l’ho comprato, appunto sulle pagine di un libro, tutto ciò a danno della Sapienza vero e unico valore da perseguire per l’uomo bello e nobile. La Sapienza è un viaggio di scoperta diverso per ciascuno di noi, passa per la ricerca, il dialogo, si parte da quello che si pensa di sapere per scoprire tutto il resto secondo un percorso non riproducibile, non codificabile, ogni volta differente. Proseguiamo: l’Iliade e l’Odissea rimasero per qualche secolo secoli affidati alla memoria e alla trasmissione orale di aèdi e rapsodi, subendo modifiche e affinamenti fino ad atterrare (purtroppo o per fortuna?) in forma scritta, immutata e immutabile.

Personalmente amo molto il testo scritto, mi piace scrivere e mi piace leggere. Penso che scrivere, piuttosto che disegnare o parlare, richieda di per sé maggior riflessione e focalizzazione. E’ questione della stessa lentezza propria dello scrivere, siamo Continua a leggere

Annunci