tlhaw’DIyuS

Che in Klingon significa: “Auguri!!!!!”

E’ stato un anno complicato, ma non è detto che per questo non sia stato fecondo. Per evitare di dire banalità su per aspera ad astra, no pain no gain etc. riporto qui sotto una lunga citazione da un libro coinvolgente, crudo e sublime che sto leggendo. La traduzione è mia, parla di musica, di sofferenza, di grandezza e di speranza.

Per chi mi segue ancora su questo blog, segnalo che ho aperto ormai da un po’ una newsletter su Substack dove riprendo molti dei temi qui trattati, con un focus specifico sulla relazione tra dati e tecnologie trasformative.

A questo link trovi l’ultimo numero.

Se vuoi continuare a seguirmi dunque, segui il link e iscriviti, penso non sarai deluso, io mi sto divertendo molto a scriverla, e i miei (pochissimi ma qualificatissimi!) lettori mi dicono che yes, funziona!

Se no, pazienza, la cosa importante è che alla fine di questo anno così complicato sono ancora qui a augurarti buon Natale, e uno stupendo 2022. Natale, festa di nascita e di rinascita.

La storia di Bach è notevole. All’età di quattro anni, i suoi fratelli più vicini sono morti. A nove anni muore sua madre, a dieci muore suo padre e lui rimane orfano. Spedito a vivere con un fratello maggiore che non lo sopporta, viene trattato di merda e non gli è permesso di concentrarsi sulla musica che ama. Viene maltrattato sistematicamente a scuola al punto che è assente per più della metà dei suoi giorni di scuola per evitare le percosse ricorrenti, o peggio. Cammina per diverse centinaia di miglia da adolescente per poter studiare nella migliore scuola di musica che conosce. Si innamora, si sposa, ha venti figli. Undici di questi bambini muoiono durante l’infanzia o il parto. Sua moglie muore. È circondato, inghiottito dalla morte. Nello stesso tempo in cui tutti quelli che conosce muoiono, compone per la Chiesa e per la Corte, insegna l’organo, dirige il coro, compone per sé stesso, insegna composizione, suona l’organo, tiene le funzioni religiose, insegna clavicembalo e generalmente usa il suo intelletto per il suo lavoro. Scrive oltre 3.000 brani musicali (molti, molti altri sono andati perduti), la maggior parte dei quali sono ancora, 300 anni dopo, eseguiti, ascoltati, venerati in tutto il mondo. Non partecipa a gruppi “in dodici passi”, non frequenta strizzacervelli e non prende antidepressivi. Non piscia e geme e guarda la TV durante il giorno bevendo Special Brew. Se la cava e vive bene e nel modo più creativo possibile. Non per la fanfara e la ricompensa, ma, nelle sue parole, per la gloria di Dio. Questo è l’uomo con cui abbiamo a che fare qui. Inzuppato di dolore, emergendo da un’infanzia di malattie, povertà, abusi e morte, un padre di famiglia maniaco del lavoro, bevitore, rissoso, donnaiolo, trova ancora il tempo per essere gentile con i suoi studenti, pagare le bollette e lasciare un’eredità totalmente oltre la comprensione della maggior parte degli umani. Beethoven diceva che Bach era il Dio immortale dell’armonia. Anche Nina Simone ha riconosciuto che è stato Bach a farle dedicare la sua vita alla musica. Non l’ha aiutata molto con la dipendenza da eroina e alcol, ma pazienza. Chiaramente non era destinato a essere emotivamente normale. Era ossessionato dai numeri e dalla matematica in un modo spaventosamente da impulso ossessivo compulsivo. Ha usato l’alfabeto come codice base, dove ogni lettera corrisponde a un numero (A B C = 1 2 3 ecc.). BACH. L=2, LA=1, L=3, H=8. Sommatele e otteniamo 14. Invertitele e otteniamo 41. E 14 e 41 appaiono sempre nelle sue opere: numero di battute, numero di note in una frase, una firma musicale nascosta posizionata nei punti chiave delle sue opere. Probabilmente ha tenuto questo comportamento al sicuro in quel modo strano che tutti coloro che sono afflitti da tic leggeri, che contano e picchiettano, usano per sentirsi al sicuro. Quando è fatto bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: